neural online


 
 
 > News archive  > Neural Magazine  > Neural Station  
 > emusic  > new media art  > hacktivism  
.art

14.03.02 Net.film, i film che incarnano internet.
Un gruppo internazionale di artisti sta esponendo diverse interpretazioni del concetto di 'net.film' alle 'The Ides of March' una mostra organizzata a New York nella ABC No Rio Gallery. Dietro i diversi lavori ci sono i presupposti teorici che legano le diverse pratiche che ben s'interfacciano con la rete e la sua struttura, andando oltre lo standard dello streaming. I net.film infatti si basano sul linguaggio cinematografico mostrandolo come contenuto in rete, regalando la percezione del 'film', attraverso una pagina web, e incorporando la possibilitą di cambiare contenuto e struttura in ogni momento, per cui ciò che viene fruito è stato assemblato nel preciso momento dell'attivazione del link. Al di là delle variazioni che possono apportare, gli autori devono essere sempre noti e il 'film' non prevede una reale interazione con l'utente, in quanto il browser è inteso come un mero 'proiettore'. La sua perculiarità, infine, risiede nell'essere composto da diverse parti, ossia files su un server. La sezione 'Net.film', curata da Bull Miletic, contiene 'You are here', un cortometraggio dello stesso Miletic ambientato fra destinazioni di rocce e deserti, 'All Systems Go', di Katie Bush, con brevi animazioni in loop dalla normalitą surreale, 'The End', un'altra storia testuale a pieno schermo di Young-hae Chang + Marc Voge, (Heavy Industries), 'Psycho', di Vuk Cosic, altra ridefinizione in ascii del classico di Alfred Hitchcock, 'Discipline Number Four, di Graham Milton (nell'immagine), uno scenario naturalistico, che di tanto in tanto rivela la sua natura digitale e 'BCC', di Motomichi Nakamura, una serie di animazioni in flash (gią presentata al Korea Web art festival, vedi ) su frustrazioni e l'ansietà realmente espresse dagli utenti di comunità nei forum di discussione.