neural online


 
 
 > News archive  > Neural Magazine  > Neural Station  
 > emusic  > new media art  > hacktivism  

English version

.emusic

04.03.03 Gameboyzz Orchestra Project, il suono Nintendo.
Nell'effervescente scenario della 'micromusic' ci sono sempre più artisti in grado di manipolare tecnologie spartane per ottenere virtuosi risultati. Uno dei gruppi di punta della riconfigurazione di adusi gadget è situato a Wroclaw (Breslavia) in Polonia, e si chiama Gameboyzz Orchestra Project. È un collettivo formato da sei artisti guidato dal fondatore Jaroslaw Kujda che ha più volte cambiato line-up, mantenendo però lo spirito di ricerca che caratterizza le sequenze ossessive estratte dai GameBoy. Fin dal primo modello, ideato da Gumpei Yokoi ed immesso sul mercato giapponese per la prima volta nell'Aprile 1989, queste microconsolle (70 milioni di pezzi venditui nel mondo) hanno avuto caratteristiche sonore minimali, sfruttate fino all'ultimo bit da raffinati 'hacking' apportati tramite un'opportuna programmazione e software sia liberamente scaricabili che commerciali, come il Little Sound DJ. Ora sono assurti a rando di strumenti musicali a tutti gli effetti, anche grazie al Gameboyzz Orchestra Project, come dimostrano i file sull sito della band, dove sono fruibili in RealVideo tre video, fra cui la performance live tenuta alla biennale di WRO nel 2001, e tre estratti di trenta secondi da altrettanti brani facenti parte dal loro primo album.