neural online


 
 
 > News archive  > Neural Magazine  > Neural Station  
 > emusic  > new media art  > hacktivism  

English version

.emusic

27.03.03 Invisible Cities, i suoni delle città
Curata da Christopher Murphy della Fällt e Shan McAnena, Invisible Cities è una mostra di sound art territoriale realizzata durante il Belfast Festival at Queen nella Naughton Gallery di Belfast. Una dinamica e ricca raccolta d'interpretazioni d'autore degli ambienti acustici delle città prescelte, indifferentemente metropoli e misconosciute, raccogliendo impressioni, concetti e spaccati di memoria sonora personali che delineano un'insieme di affascinanti panorami sonori. La mappa che nell'installazione originale dislocava i file, online risulta del tutto relativa, lasciando spazio all'immaginazione innescata dalle stringate introduzioni degli artisti. Tutte le tracce si possono scaricare in formato mp3 (free download), ricostruendo i panorami sonori nella propria cuffia. Così si ha libero accesso a Fehler e il bar Katy Daly di Belfast, Stephan Mathieu e la pioggia di Berlino, Massimo e le strade a luci rosse di Catania, il Raqs Media Collective e i suoni dei pendolari di New Delhi, Jonathan Segel e le bande amatoriali di Lima, Janek Schaefer e suoni catturati da registratore 'sound activated' nascosto dentro un pacco spedito a Londra, Gregory Cowley e le rapide variazioni sonore del mercato di Marrakesh, skoltz_kolgen e le vibrazioni del terreno di Montreal, Taylor Deupree e i suoni personali registrati l'11 Settembre 2002 a New York, Frans de Waard e i rumori della sua bicicletta a Nijmegen, Richard Chartier e i suoni delle gallerie d'arte di Washington, e ancora registrazioni di altrettanti artisti a Beijing, Brisbane, Lalibela, Hanoi, Logrono, Los Angeles, Mosca, ůstersund, Tokyo.